Gennaio 2015

Con un po’ di ritardo sul calendario Aderiamo vuole augurare a tutti i sostenitori e non un buon anno, nella speranza che quest’anno ci sia  una maggior attenzione al territorio e meno sacchi della spazzatura per noi da raccattare!

Ogni anno a gennaio si ricordano le orribili stragi e massacri che il nazismo ha prodotto: non solo l’eliminazione fisica di un popolo ebraico da sempre perseguitato, ma anche l’inutile assassinio di dissidenti politici, omosessuali, zingari e portatori d’handicap. Ogni anno si fa leva sull’idea che bisogna ricordare per non ripetere gli errori commessi: noi tutti, però siamo consapevoli che la memoria non può essere esercitata in una sola sterile data, ma, anzi, si debba trovare in tutto l’anno il tempo per riflettere e pensare al passato, stupendo e inorridendo per ciò che è stato e che tutt’ora sta avvenendo a scapito di altre etnie.

Fatta questa premessa vi segnaliamo la serata organizzata dal neonato circolo culturale “Infinito”: martedì 27 gennaio alle 20.45, presso il salone Don Bosco dell’Oratorio di Adro si terrà un incontro dal titolo “Arbeit macht frei”, in cui interverrà con letture e filmati Gianluigi Spini.